Sao Tome – Principe by Isola BiancaSao Tome – Principe by Isola Bianca
Forgot password?

La Cultura

La cultura  di Sao  Tomé e Principe è, come la relativa gente, la miscela di europeo e di africano. Un esempio unico è il Tchiloli.

marchese_di_mantovaIl Tchilolì è uno spettacolo complesso che mette in gioco la satira, la commedia dell’arte, il seicento e il teatro barocco, oltre ad un’intera filosofia della sopravvivenza delle tradizioni umane nelle situazioni limite. Il Tchilolì mette in scena la tragedia del Duca di Mantova alla corte Carolingia.

La vicenda (in portoghese antico misto a criollo forro, uno dei dialetti locali) narra dell’assassinio di Valdevinos, nipote del duca di Mantova, da parte di Carloto, figlio di Carlo Magno e del processo che segue alla richiesta di giustizia dei famigliari della vittima.

La lunga narrazione (5 ore) narra del processo amministrato dal Ministro della Giustizia, delle testimonianze, degli Avvocati e delle loro arringhe, di una perizia calligrafica e dell’inevitabile sentenza; il tutto trapuntato dagli interventi della banda che riproduce con strumenti africani una fanfara Portoghese e sottolinea i momenti salienti della vicenda.

Auto de Floripes, che avviene  nel  mese agosto (il 15  e le  domenica successiva) sull’isola di Principe, fa partecipare l’intera popolazione nella battaglia drammatica fra i Cristiani  e i Mori, con una sorprendente capovolgimento  alla conclusione della storia.

Per quanto concerne  la musica ed il ballo, una presunta influenza dal precedente  Regno del Congo, è il Danço Congo, samba importata dal Brasile, puita da Capo Verde, socopé, un ballo dell’  Elite colonizzatrice portoghese ed altre, pricipalmente dalle ex colonie portoghesi. Il bulaué è probabilmente di  origine dell’Angola. La musica così come il ballo in Sao Tomè e Principe sta ricevendo continuamente moltissima influenza dalle altre zone di lingua portoghese, vale a dire dall’ isola di  Capo Verde ed il Brasile.

Il Danço Congo è uno spettacolo frenetico  di colori, di movimento e di ritmo! Piuttosto che la lotta classica fra il bene  e la malvagità, questa spettacolo rappresenta la vita moderna degli abitanti di Sao Tomè in tutta la relativa relatività, una storia contemporanea raccontata con tutto l’entusiasmo espressivo possibile.

In letteratura, Sao Tomè e Principe si è reso noto all’interno della zona di lingua portoghese, con gli scrittori  come Alda de Espírito Santo e Albertino Bragança.

Per quanto riguarda l’ ARTE, la piantagione di Sao Joao dos  Angolares come pure la galleria d’ Arte Teia,  stanno lavorando per  promuovere le sculture in legno. Sao Tomè e Principe possiedono un loro  stile nella pittura.  Un esempio arriva dai lavori  di Guilherme de Carvalho, che lavora con  materiali come le conchiglie di mare, le noci di cocco.

In diversi posti è possibile trovare souvenir fatti da gusci di tartarughe. Sconsigliamo l’acquisto di questi souvenir per non incrementare questo business basato sull’uccisione delle tartarughe che sono oltretutto una specie protetta.